domenica 2 marzo 2014

Preghiera a Santa Caterina

Scorcio di Santa Caterina

La chiesa di Santa Caterina, a pochi passi dall’incrocio dei Quattro Canti, è una delle più belle chiese della Sicilia. Fa parte del complesso di un convento di suore di clausura.
In alto finissime grate occludono la vista alle aree di preghiera da cui si affacciano le suore,  tutto il resto è un trionfo di marmi policromi da ornamento, in bassorilievo e non so come descriverli. Semplicemente spettacolari.

Mi trovavo presso l’altare di San Domenico assorto a pregare il mio Ipad di non mollarmi proprio mentre mi stò documentando, quando odo
Dettaglio con bassorilievi e marmi policromi
un forte tramestio ed un vociare che si avvicina.
Dapprima non comprendo bene le parole poi …:
"Santuzzo miobbello
Santuzzo miu caro
Tu si lu santu miu preferito
I vengu sempre attia a prigari
Attia I vogliu chiubbene a tutti l’altri (???)
Sapitte che ve potto pure tutte l’amiche mia (a beh allora!..)
A tutte ce dico che vuie site lu chiu bravu santu che ce stà
Tu sa ch’iu non vengu mai a disturbatte pe nulla
Altare con quarzi e angeli laminati argento
Ma stavotta mi duvit’aiutari (eh si! Il Santo deve …)
Stavotta so che m ‘aiutate,
Pecche so che ce piace ch’io venga a trovatte
Pecche so che ce piace che vegghino pure le mi amiche.
(mi pare ovvio che altrimenti non vedrà più ne lei ne le sue amiche)
Vu site lu Santuzzo miobbello
Vu site lu Santuzzo mio caro
Vu site lu santu miu preferito
Iu te vangu sempre a prigari".
…. Continua bifonchiando le tre  Ave Maria e se ne va ….
Scruto il volto del Santo, ma é una statua del milledue, quelle che hanno l’aria un pò inebetita ma mi pare comunque perplesso. Quando poi mi sono recato alla chiesa vicina, quì c’erano tutte le statue delle virtù del Serpotta che, informate della preghiera, stavano ancora ghignando.

Staue a stucco del Serpotta



Nessun commento:

Posta un commento